All'indice di Fun Science Gallery

 

"MICROSCOPIO STEREOSCOPICO" COSTRUITO DA:

ALBERTO CARBONI

marzo 2005

 


Questo è il microscopio stereoscopico completato nel marzo 2005 da Alberto Carboni (fratello di Giorgio), in base all'articolo: "Un Semplice Microscopio Stereoscopico". Quello che segue è il suo articolo.

 

     

 

Ebbene si, grazie a questo sito, ce l’ho fatta anch’io! Abemus Microscopium Binocolarum!
Ci ho messo un paio di mesetti lavorando nei pochi ritagli di tempo rubati qua e là. E’ stata un’impresa impegnativa ma bella: una sfida tra la materia bruta che non ne voleva sapere di stare in squadro e di modellarsi come doveva e la mia volontà.
Devo dire che il risultato è ottimo e che cioè si vede meravigliosamente; ha un solo problemino peraltro facilmente aggirabile: è molto alto, tale da doverlo adoperare o su un tavolino basso o con una sedia alta.


 

   

 

Se qualcuno volesse cimentarsi nella costruzione, cosa che consiglio vivamente, deve tenere presente che occorre una buona manualità nella meccanica (tipo saper forare, filettare e limare), aver un minimo di attrezzatura, indispensabile un trapano a colonna (oggi, quelli economici, costano circa 30/40 euro), un banco con una morsa e attrezzatura varia tipo lime, maschi per filettare, calibro, squadre. Il massimo sarebbe avere anche un tornio e una mola; io non li avevo e mi sono adattato ad usare il trapano a colonna come tornio, fresa e mola.

Come si può vedere l’ho realizzato in alluminio (perché un giorno ho trovato accanto al bidone del pattume delle strutture di alluminio che ho lestamente accaparrato perché potevano venire utili…); il tubo che protegge l’obiettivo è un tubo da acqua calda (un giorno lo vernicerò di nero) che fortunatamente l’interno era di misura perfetta e le guide del carrello le ho ricavate da una vecchia stampante che non usavo più.

 

     

 

Rispetto al progetto di Giorgio, ho cambiato qualcosa adattando qua e là secondo quello che avevo a disposizione; le guide del carrello, ad esempio sono di 7mm invece che di 8, l’asse che aziona il carrello l’ho realizzato utilizzando un tubo di ottone di 11mm di un vecchio lampadario nel cui interno ho fissato un pezzo di trafila filettata di 8mm su cui ho avvitato le manopole. Non ho utilizzato le boccole previste dal progetto ma ho forato direttamente l’alluminio a misura tanto, avendo fatto tutto a mano e con una precisione relativa, le boccole mi sembravano un inutile preziosismo, ma chi può le usi perché dopo il carrello scorre meglio.

 

     

 

Mi sono complicato la vita nel realizzare l’attacco del binocolo perché volevo chiudere il tubo per evitare che la polvere potesse sporcare l’obiettivo e volevo consentire la modifica della distanza interpupillare del binocolo. Ho fatto due specie di eccentrici fulcrati nello stesso punto in cui il binocolo si flette ma la soluzione non è ottimale perché lascia fessure.

L’ingrandimento è sui 13 x e vi posso assicurare che va benissimo nelle più svariate occasioni; nella numismatica è meraviglioso, nella mineralogia è perfetto, gli insetti sembrano mostri pelosi. Le ultime foto evidenziano l’ingrandimento ma non è certo come si vede perché ho soltanto appoggiato la macchinetta digitale ad un oculare del binocolo. La visione che si ha è tridimensionale; c’è un campo visivo vasto con un angolo molto ampio che permette di spaziare con lo sguardo a piacimento.

 

     

 

Tra punte rotte, barre filettate, viterie e manopole,  avrò speso 20 o 30 euro, che aggiunti ai 19 del binocolo fanno meno di 50 euro e quindi è una spesa ridottissima e, se consideriamo il godimento nel riuscire a realizzare un simile strumento con le proprie mani, penso proprio che valga la pena cimentarsi in questa impresa. Forse sarà un problema reperire l’obiettivo di 50 mm di diametro (io fortunatamente avevo un doppietto acromatico che utilizzavo come cercatore per un telescopio, sempre autocostruito) ma con altri 30/40 euro si può sacrificare un binocolo nuovo comprato dai cinesi.

Se qualcuno avesse domande o volesse consigli metto il mio indirizzo: jjycar@tin.it

Cari saluti

Alberto


All'indice di FSG  All'inizio dell'articolo